La sede della Dall’Era è sottoposta a importanti lavori di ampliamento, nel segno di spazi di lavoro più idonei al benessere dei collaboratori e di una produzione in aumento

10 Agosto 2019 -

Gli ampliamenti coinvolgono l’ufficio tecnico, l’ufficio qualità, la meccanica, l’affilatura, il reparto produttivo, oltre agli spogliatoi

LA SEDE DELLA DALL’ERA E’ SOTTOPOSTA IMPORTANTI LAVORI DI AMPLIAMENTO, NEL SEGNO DI SPAZI DI LAVORO PIU’ IDONEI AL BENESSERE DEI COLLABORATORI E DI UNA PRODUZIONE IN AUMENTO

Sono in corso i lavori di ampliamento della sede di Sabbio Chiese. In risposta a un costante aumento della domanda di prodotti in ottone Dall’Era, utilizzati dalle principali multinazionali del mondo nella produzione di impianti idrotermosanitari, gas, impianti di raffreddamento, rubinetterie e valvole, lo stabilimento è sottoposto a diversi lavori di ingrandimento. Da alcune settimane è terminato l’ampliamento degli spogliatoi maschili e femminili con oltre 50 mq in più a disposizione. Una nuova area per facilitare l’inizio e il termine del lavoro degli addetti alla produzione, migliorandone la logistica. Nell’ottica di rendere gli ambienti più confortevoli, sta sorgendo anche una nuova area break per garantire ai lavoratori un luogo più riposante per i momenti di pausa. Sono in fase di ingrandimento l’ufficio tecnico, l’ufficio qualità, ma anche i reparti di produzione tra cui la meccanica e l’affilatura. In questo caso si tratta di ampliamenti dovuti a esigenze di produzione. Ben 260 mq di ampliamento complessivo. L’espansione dei volumi generati, già oggi oltre il milione e 300 mila pezzi giornalieri, deve essere supportata da adeguamenti strutturali e da un aumento dei macchinari.

DA SEMPRE LA DALL’ERA VALERIO E’ ATTENTA ALLA QUALITA’ DI VITA LAVORATIVA DEI COLLABORATORI

Gli investimenti per gli adeguamenti dell’aumento della produzione si concentrano dunque sul concetto fondamentale di creare ambienti di lavoro più gradevoli e funzionali. Da tempo l’azienda è impegnata ad andare oltre le condizioni di sicurezza minime e gli adeguamenti dovuti per legge, per creare luoghi che garantiscano elevati livelli di benessere organizzativo che si traducano anche in termini di produttività e di performance. Un insieme di elementi che contribuiscano al benessere fisico e psicologico di chi lavora. Un sottile legame fra soddisfazione e produttività sono un dovere per un’azienda come la Dall’Era che ha tra gli obiettivi una produzione di eccellenza. Gli spazi adattati ad accogliere un crescente numero di addetti e nuovi macchinari devono essere sottoposti a un’attenta politica di equilibrio tra il minor impatto ambientale e la creazione di ambienti di lavoro con i più alti standard di benessere.

IL CAPITALE UMANO è IL PATRIMONIO IMMATERIALE DELL’AZIENDA

Il modo in cui un ambiente di lavoro è progettato incide sull’impegno dei lavoratori, sulla prestazione lavorativa, ma anche sullo sviluppo di nuove competenze. Per la Dall’Era Valerio la crescita del “capitale umano” è un aspetto di importanza strategica e, assieme al capitale organizzativo e a quello relazionale, costituisce a creare il patrimonio “immateriale” dell’azienda. Tutto questo trasmette l’impegno verso il futuro per un accrescimento materiale ed immateriale dell’azienda leader in Italia nella produzione di dadi in ottone e componenti.

Vedi anche

Applicazioni e certificazioni dei dadi e corpi di connessione in ottone firmati Dall’Era Valerio

Componentistica in ottone fino a 3 pollici e oltre, conformi a rigidi protocolli ambientali per il mercato degli impianti termosanitari del gas, della refrigerazione, della rubinetteria e del valvolame.

Dall’Era Valerio: un’azienda impegnata nel miglioramento costante dei dadi e di tutta la tipologia di corpi di connessione in ottone

Scarto del dado e dei collegamenti in ottone vicino allo zero, utilizzo dei macchinari più evoluti e una produzione personalizzata: il supporto ai grandi gruppi internazionali come valore aziendale.

Una clientela internazionale per i dadi in ottone della Dall’Era Valerio

Un know-how nel mondo dei corpi di connessione d’ottone esportato in 31 Paesi dei 5 continenti, dall’Europa al Sud America, dalla Cina alla Russia.